Storia Eolie

Salina, Isola Verde

Misura 26,4 km² ed è la seconda per estensione e per popolazione dopo Lipari. È divisa in tre comuni della provincia di MessinaSanta Marina SalinaMalfa e Leni (fino al 1867 faceva parte del territorio di Lipari, successivamente fu comune autonomo fino al 1910) e conta complessivamente circa 2.300 abitanti. Formata da sei antichi vulcani, possiede il primo e terzo rilievo più alto dell’arcipelago: il monte Fossa delle Felci, 962 m, e il monte dei Porri, 860 m, che conservano la tipica forma conica. Da questi due vulcani spenti, visti da nord-est, deriva il suo antico nome greco antico Διδύμη, Didỳmē (da δίδυμος, dìdymos, “gemello”). L’attuale nome deriva invece da un laghetto presente nella frazione di Lingua del Comune di S. Marina di Salina, dal quale si estraeva il sale.

Storia

Dagli scavi sono emersi insediamenti risalenti all'età del bronzo e un'alternanza di periodi di completo abbandono con altri di forte sviluppo. Ritrovamenti presso Santa Marina mostrano un notevole insediamento attorno al IV secolo a.C. Attorno al VII secolo d.C. Salina fu una delle Eolie più popolate, perché i vulcani di Lipari erano in attività. Le invasioni arabe la resero deserta finché, attorno al XVII secolo, tornò a popolarsi. Salina è l'isola più fertile delle Eolie e ricca d'acqua; vi si coltivano uve pregiate dalle quali si ricava la Malvasia, un vino di sapore dolce, e capperi che sono esportati in tutto il mondo. Naturalmente, l'altra importante risorsa per l'isola è il turismo

Film

Sulla spiaggia di Pollara (frazione di Malfa) sono state girate alcune scene del film Il postino (1994), l'ultima pellicola interpretata da Massimo Troisi. Altri dialoghi si svolgono nei pressi della meravigliosa scogliera Pollara che si affaccia a ponente, ove si possono ammirare indimenticabili tramonti A Salina sono state girate anche alcune scene del film Caro Diario di Nanni Moretti.

Cultura

Dal 2007 è sede del SalinaDocFest, festival internazionale del documentario narrativo. Dal 2011 è sede del MareFestival (Mare Festival Salina – Premio Troisi) A Lingua, frazione di Santa Marina Salina c'è il Museo Civico che ospita dei reperti della preistoria dell'isola.

La riserva Nazionale

Nel 1981 è stato istituito il parco regionale di Salina e nel 1984 la Riserva naturale Le Montagne delle Felci e dei Porri. Lo spettacolo che si gode dalla cima della montagna (962 mt) è paradisiaco. Camminando, tra felci e castagneti, è possibile osservare le altre isole dell'arcipelago. La montagna è meta di molti turisti. Nei mesi di settembre, ottobre e novembre è anche possibile raccogliere funghi porcini e pinaroli. Nella riserva vive la specie protetta del falco della regina.